Non aver paura


Trovarsi in mezzo a un bosco che non conosci e ascoltare il rumore delle foglie sotto i tuoi passi e fermarsi di colpo perché i tuoi occhi hanno scoperto una piccola strada di luce che penetra tra i rami e accarezza le radici fredde di un albero.

Chiudere gli occhi,ascoltarsi e ricordare che in fondo non riconoscevi più te stesso perché ti eri smarrito nell’inquietudine della tua quotidianità.

Ritrovarsi a guardare la resina sulla corteccia di un albero che col suo andare lento ristabilisce l’equilibrio perso del nostro mondo.

E ancora, guardare con occhi di bambino un fiore, fissarlo per interminabili momenti sentendone il profumo , ridisegnarlo dentro e riscoprire i colori dell’anima di cui tanto avevi goduto ma che giorno dopo giorno avevi perso.

Fermarsi per un momento e il tuo solo pensiero è Ascoltare…….è il solo modo per Capire.

All’improvviso tutto diventa chiaro, limpido come l’acqua di un torrente e pensi che ci sia qualcosa di sbagliato nel mondo e nel modo in cui vivi e ti assale un senso di frustrazione e di impotenza.

Poi raccogli un po’ di muschio lo tieni tra le mani, il suo profumo è così intenso che ti riporta a quando insieme a tuo padre costruivi il piccolo presepe vicino alla porta di casa.

Cominci a rileggere la tua vita e le tue scelte,quanti sbagli, quanti momenti persi, quante strade senza uscita senza che tu facessi un solo passo per cambiare.

Disteso sulle foglie ti lasci andare, nulla è perso…..perché proprio in quel momento il tuo cuore ricomincia a battere…lo senti forte dentro al petto..sei Vivo più che mai…Sei di nuovo pronto a ripartire…

19 Commenti

  1. Marco Pani

    Dirti che mi hai fatto emozionare è poco…ciao Cris…!

  2. LARA

    Bellissimo….. Ascoltare…è diventata ormai dote rara. Lo facciamo con fatica nei confronti degli altri, figuriamoci con noi stessi. La quotidianità giorno dopo giorno cerca di rubarci qualcosa, mille pensieri, mille problemi che non fanno altro che annullare ciò di cui abbiam bisogno. Quante volte arriviamo a sera e ci chiediamo cosa abbiamo fatto oggi? Ormai viviamo “in automatico”. Mettiamo a letto i nostri figli e guardandoli a volte non ci rendiamo nemmeno conto di quante cose rischiamo o abbiamo perso solo perchè…non ci siamo fermati un attimo….già solo un attimo. Lasciarsi andare su quel letto di foglie….ma afferrare per rialzarsi oggi raggio di sole che ci circonda e che abbiamo al nostro fianco.

  3. teresa

    Stasera quando torna mi figlio dal centro estivo gliela voglio leggere , è scritto talmente bene che sembra una favola , un racconto per ragazzi
    descrive perfettamente quella spensieratezza quella tranquillità che tutti cerchiamo.
    ★ un saluto ☆

  4. LARA

    Sono speciali le lacrime che solcano il viso quando un ricordo ci prende per mano. Quando negli occhi di mamma e papà riconosciamo una parte di noi stessi, quando negli sguardi del proprio compagno ripercorriamo la giovinezza e quando negli abbracci dei figli pensiamo al futuro. Ogni giorno vissuto è un dono….. sarebbe bello poterne godere appieno di ogni singolo attimo…e allora proviamoci!!! Alziamoci e ripartiamo!!!

  5. gianluca

    Ciao Cristiano,

    Complimenti per cio’ che hai scritto. Quando si attraversano dei momenti non proprio facili, è davvero di grande aiuto leggere parole belle come queste. Grazie… spero davvero di poterti stringere la mano a qualche concerto. In bocca al lupo per tutto :)

  6. Veronica Pirola

    Ciao Crissss nella giornata di ieri ho fatto escursione in Val Masino (SO) e lungo il sentiero mi sono ritrovata ad “ascoltare” queste tue parole: le ho sentite mie lungo il percorso un pò come se tu fossi stato con me lungo il cammino: il bosco, le foglie, i passi, la luce tra i rami, le radici, gli alberi, la resina, la corteccia, l’acqua limpida del torrente, il muschio. Abbandonare per qualche ora la quotidianità per ritrovare equilibrio, staccare la spina e fermarsi ad osservare ed “ascoltare” il tuo cuore: dovremmo imparare a farlo più spesso per riscoprire che basta poco per ritornare a vivere. Ogni volta che ritorno sono di nuovo pronta a ripartire…

    Grazie per aver condiviso queste tue sensazioni…mi stupisci ogni giorno di più.

    Al prossimo concerto faccia strana (31.07 ad Ubiale Clanezzo – BG)

  7. Marco

    Grazie Cris!le tue parole mi hanno colpito profondamente… grazie perchè trasformi in poesia o testo ció che senti !Grazie per questi tuoe riflessioni

  8. margherita

    caro cris bellissime parole sei una bella persona rimani sempre così

  9. Valentina

    …che profondità, che sentimento! Se questo modo di pensare si propagasse, per contagio, tra la gente forse i nostri figli potrebbero vivere meglio e con valori sani. (da prescrivere come terapia “partecipare ad un concerto dei nomadi al mese). ciao, Renata

  10. Erica

    Condivido anch’io con le tue belle parole che hai scritto. Bravo Cristiano.

  11. federica

    ciao cris
    complimenti per il sito
    e le belle parole

  12. Bellissime parole… Non ti conoscevo sotto questo aspetto; una sensibilità che ritrovo dopo tanti anni e che mi ricordo, aveva un grande personaggio di un nostro comune recente passato non più con noi ma da noi sempre rimpianto… Non faccio nomi, sappiamo tutti benissimo di chi parlo. Toccami il cuore, e senti com’è vivo… Per parafrasare una canzone in cui ti rivedo e mi rivedo… Buona vita!

  13. Ciao Cris, guarda che nel clippino che hai postato dici 4 settembre anzichè 4 ottobre :D a sabato…..

  14. Massimo Stendardi

    Senza parole caro amico mio….. senza parole…… W la vita!!!!!
    Max Stendardi

  15. Vanessa

    parole semplici che toccano il cuore, parole che solo da un puro di cuore possono sgorgare e prendere corpo, sei una persona meravigliosa Cris, lasciatelo dire.

  16. Anna Maria

    Queste tue riflessioni ci sono molto utili, perché la vita cambia, sempre, i figli arrivano, poi crescono, la bellezza e le difficoltà che incontriamo nell’educarli ad una vita positiva, e poi, cresciuti, se ne vanno per la loro strada e noi rimaniamo soli con il nostro lavoro e le nostre giornate grigie … Ecco, ogni volta dobbiamo reimparare a vivere, ad ascoltarci, a volerci bene, perché poi il tempo passa inesorabilmente e ci rendiamo conto che la vita è nel presente, non serve aspettare, non serve rimandare … Un abbraccio grandissimo ed un mega in bocca al lupo per tutto ! Ci piace scoprire la tua sensibilità :) Grazie di cuore !

  17. DANIELE

    CIAO CRISTIANO MI CHIAMO DANIELE E SONO UN MITICO FAN DELLA FAMIGLIA NOMADI.
    SONO DI TRASACCO PROVINCIA DELL’ AQUILA.
    SONO CATTOLICO PRATICANTE. SONO UN PIANISTA
    VOLEVO SALUTARTI.

Leave a Reply